Edizione di lunedì 24 luglio 2017 | Chi Siamo - Autori - Redazione - Contatti - Note legali

35 cibi che vi aiuteranno a tenere lontano il cancro

Se non avete mai sentito parlare di nutrigenomica, non vi preoccupate: è del tutto normale! Siamo tuttavia qui per cercare di colmare questo gap, ricordando che la nutrigenomica è una nuova scienza che sutida gli alimenti che svolgono funzioni protettive per i tumori, cercando di comprendere in che modo un alimento possa “modificare” il funzionamento di un organismo umano dal punto di vista molecolare. L’obiettivo ultimo della nutrigenomica è dunque quello di realizzare un regime alimentare che possa indurre l’individuo a mangiare solamente quello che fa “bene” per lui.

cibi contro il cancroNaturalmente, tra le sostanze più benefiche vi sono i polifenoli contenuti negli alimenti, che possono contribuire a rendere l’organismo più al “sicuro”. L’azione fondamentale dei polifenoli è quella antiossidante, limitando la proliferazione dei radicali liberi che nascono con il processo di ossidazione, che “arrugginisce” il corpo umano.

Al di là di ciò, date un’occhiata a questa lista realizzata in collaborazione con il sito inran.it

Troverete 35 cibi che possono darci una mano per poter allontanare il rischio di tumore:

pomodoro, aglio, arance, asparagi, albicocche, anguria, broccoli, carote, castagne, cipolla, cavoli, cetrioli, carciofi, crostacei, erbe aromatiche, finocchio, fagiolini, funghi, fragole, legumi, lamponi, melone, mirtilli, molluschi, olio d’oliva, piselli, patate, peperoni, prezzemolo, pesce, ravanelli, tè verde, verdure a foglia verde, uva, zucca.

Come avete avuto modo di leggere, ci sono cibi molto vari, e in grado – probabilmente – di soddisfare qualsiasi gusto. Tra i principali e primi troviamo l’aglio, che è un importante alleato contro i tumori (e in particolar modo quello all’esofago, allo stomaco e alla prostata), e ancora le fragole e i frutti rossi, che essendo molto ricchi di acido ellagico, possono dare una grande mano per poter rafforzare i vasi sanguigni.

Ancora, il pomodoro e la sua salsa, perno del regime alimentare mediterraneo. A spiegare il perchè sia molto utile, è lo stesso professor Umberto Veronesi, uno dei massimi esperti italiani e internazionali nella lotta ai tumori: “Nel pomodoro crudo che mangiamo in insalata si trova una potentissima sostanza benefica, il licopene, che ci protegge dal cancro. Ma quando cuocete il pomodoro per fare il sugo di licopene se ne produce fino a cinque volte di più”.

Insomma, mangiare frutta e verdura, garantire l’idonea alimentazione, compiere un regime di vita equilibrato, con un pò di attività fisica quotidiana, potrebbe essere l’elisir di lunga giovinezza. Niente di nuovo sotto la luce del sole, ma troppa gente sembra ancora dimenticarsi di queste valide e basilari regole…

Lascia un commento